giovedì 19 gennaio 2012

Diario di Gioco 173 - Mighty Monsters



Ho gia avuto modo di dire in passato che non amo molto i giochi Ganesha Games. Badate che sono dei bei regolamenti, l'autore ha motivo di esserne orgoglioso, ma a me la meccanica dell'attivazione riserva sempre brutte sorprese visti i miei peculiari poteri.

Ma non si dica che mi tiro indietro di fronte alla possibilità di provare un gioco nuovo, e Mighty Monsters è stata una piacevole sorpresa!

Il gioco verte su scontri tra i giganteschi mostri che hanno distrutto le terre del Sol Levante nell'immaginario fantastico degli anni '80.

-----------------------------------------------------------------


I already have said in the past that I not really love the games Ganesha Games. Don't misunderstand, the rule set are beautiful, the author has reason to be proud of it, but to me the mechanics of activation reserves surprises, especially seen my peculiar powers.

But do not say that I pull back from the opportunity to try a new game, and Mighty Monsters, it was a pleasant surprise!

The game focuses on battles between huge monsters who destroy the land of the Rising Sun in the fantastic imagery of the 80s.



La meccanica tipica di attivazione dei giochi Ganesha è stata rielaborata in maniera molto interessante, ogni mostro ha tre dadi (verdi, inizialmente) e una scheda su cui sono riportate le diverse parti del corpo. Quando un giocatore attiva un mostro dichiara quale parte del corpo attiva e tira i dadi. Ogni parte del corpo viene attivata quindi come se fosse un singolo modello, con le sue peculiarità. Ad esempio io, che usavo la "Gigantesca Lucertola Radioattiva" quando attivavo le gambe potevo scegliere se muovere o dare calci, quando attivavo la testa se mordere o emettere un raggio radioattivo e così via.

La meccanica mi è sembrata molto adatta a scontri tra poche creature, unica nota che mi ha lasciato un poco perplesso la gestione delle ferite. Quando un Gigamostro viene ferito sostituisce uno dei suoi dadi verdi con uno giallo, e poi con uno rosso. Se prova ad attivare con quei dadi e ottiene un 1 subisce effetti negativi fino all'eliminazione dal tavolo. Notare che un Mostro non può stare peggio dell'avere tre dadi rossi, per cui a quel punto è inutile attaccarlo, bisogna solo aspettare che si elimini da solo.

----------------------------------------------------


The typical activation of Ganesha Games has been reworked in a very interesting way, each monster has three dice (green, initially) and a card on which are the different parts of the body. When a player activates a monster state which part of the body active and rolls the dice. Each body part is then activated as if a single model, with its peculiarities. For example, I used the "Giant Radioactive Lizard" when activated legs could choose whether to move or kick, when activated on its head choose between biting or emit a radiation beam, and so on.

The mechanics seemed to me very suitable for fighting a few creatures, only one note that left me a little puzzled is the management of wounds. When one is wounded replaces one of his green dice first with a yellow one, and then with a red. If you try to activate with those dice and gets a 1 there is a negative effect undergoes elimination from the table. Note that a monster can not be worse of having three red dice, so then it is useless to attack it, you just wait until you delete it yourself.



Questo può portare ad alcune situazioni estreme, come ad esempio la mia "Farfalla elettrica gigante" che subiva una ferita quindi iniziava a rimbalzare sul terreno in maniera patetica sino a finire KO, oppure un mostro che nonostante tutte le ferite continuava ad imperversare, con gli altri che non potevano farlo fuori.

In generale l'impressione è stata molto positiva, rimane un sistema in cui il peso della fortuna si sente tanto, ma vista l'ambientazione ci posso decisamente stare!

---------------------------------------------------------------


This can lead to some extreme situations, such as my "Butterfly electrical giant" who suffered an injury and then began to bounce on the ground in a pathetic way, end up KO, or a monster that despite all the injuries continued to rage, with the others who could not make it out.

In general the impression was very positive, it remains a system in which the weight of lucky is heavy, but given the setting I can definitely accept it!

10 commenti:

  1. Looks like fun, the models are great.

    RispondiElimina
  2. Reminds me of bad Godzilla vs............ movies i used to watch......

    RispondiElimina
  3. Si potrebbe dire una battaglia "Mostruosa"...

    RispondiElimina
  4. Ciao, questo gioco sembra davvero simpatico! Ho visto il regolamento, ma è in inglese? Se sì, è facilmente comprensibile? Belli i tuoi mostroni, li hai comprati per l'occasione? :)

    RispondiElimina
  5. Sean: yes, it's fun :D

    The Angry Lurker: that's the feeling.

    Callaghan: Puoi dirlo forte!

    Sunzi: Il regolamento è in inglese, non so' se è in preparazione una versione italiana, probabile visto che l'autore è italiano :D
    I Mostroni sono di LeadAddicted, ne ha una collezione splendida!

    RispondiElimina
  6. Looks pretty sweet, I've always been a fan of the Godzilla and Gamera Movies.

    -Voidsign-

    RispondiElimina
  7. il gioco è già disponibile anche in italiano, sia come pdf (a 8 dollari) o come libro stampato (circa 12 euro) sul sito della Ganesha Games www.ganeshagames.net

    Credo vi sia sfuggita una regola durante il test. Un mosto che sta a 3 dadi rossi testa sulla tabella Barcollante ogni volta che viene colpito, quindi non è assolutamente inutile continuare a colpirlo! è essenzialmente il modo migliore per sconfiggere un mostro..prima lo porti "a rosso" e poi gli dai il colpo di grazia.

    Grazie del test, spero vi siate divertiti
    Andrea "Ganesha Games" Sfiligoi

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...